risposta-alla-domanda-sullo-sviluppo-web-bd.com

Gli stati al passaggio del mouse sono necessari?

Stiamo discutendo nel dipartimento UX al lavoro sulla necessità o meno degli stati di passaggio del mouse su un'interfaccia utente. Siamo un po 'divisi. Ecco i due argomenti:

Contro (inizia la discussione):

Personalmente ho avuto la predisposizione a non avere gli stati al passaggio del mouse ... per me, aggiunge rumore visivo senza alcun beneficio se non in circostanze molto limitate. Proveniente dal mondo della telefonia mobile, non esiste uno stato di rollover e non ho mai perso questo o desiderato che fosse disponibile per gli articoli di base. Il software per PC non utilizzava i rollover, ma lo stavo solo testando e vedo che ora sono utilizzati pesantemente. Ma ho cercato alcuni video Mac YouTube Lion e non sembrano usare gli stati al passaggio del mouse.

Per (prima risposta):

La risposta breve è, sì, dobbiamo avere gli stati al passaggio del mouse su ogni pulsante nella nostra interfaccia. E in genere lo estendo a tutto ciò su cui è possibile fare clic (elementi della casella di riepilogo, collegamenti (sebbene ciò sia gratuito) e qualsiasi altro elemento personalizzato come nodi di lavagna o celle di tabella). Vorrei anche imbrattare l'idea, e in genere costringerei gli stati al passaggio del mouse se non lo sono già.

È divertente perché questo è qualcosa di così standard ora che non viene mai messo in discussione. La maggior parte delle ricerche che riesco a scavare hanno a che fare con quale sia il giusto trattamento hover piuttosto che testare se l'hover debba essere usato. Hai ragione sul fatto che non è stato utilizzato in passato ma era più una carenza della tecnologia dell'interfaccia utente. È certamente possibile che gli utenti se lo aspettino e quindi la tecnica è diventata di fatto un requisito. Inoltre, non avere il passaggio del mouse tende ad apparire antiquato. Per questi motivi, insieme al fatto che non credo che gli stati al passaggio del mouse abbiano alcun effetto negativo sull'usabilità, è il motivo per cui direi che dovremmo sempre usare il passaggio al passaggio del mouse.

Non sono sicuro di vedere abbastanza la componente del rumore visivo. Spingo sempre i progettisti a rendere gli hovers molto sottili (come il 60-80% di qualunque sia lo stato selezionato). Quando vengono eseguiti correttamente, forniscono all'utente un feedback visivo sul fatto che il controllo fa qualcosa. Aiuta anche l'interfaccia a comunicare con l'utente, è come se dicesse all'utente che l'applicazione è in ascolto.


Ecco la mia aggiunta alla conversazione (sono stati pro hover):

Penso che ci sia una necessità intrinseca per gli stati di passaggio del mouse su elementi dell'interfaccia utente particolarmente non tradizionali. Con i pulsanti, i collegamenti e gli elementi dell'elenco Invia, penso che ci sia un'aspettativa e un'ipotesi che siano cliccabili. Altri elementi come gli elementi canvas/trascinabili non sono elementi dell'interfaccia utente "naturali", quindi gli utenti non dovrebbero necessariamente sapere che ci sono azioni sottostanti associate a tali oggetti.

Le modifiche al cursore (passando da normale a puntatore) sono abbastanza un identificatore per me per sapere che qualcosa è cliccabile, ma la maggior parte delle persone non capisce questa distinzione. Non è abbastanza visivo perché è un sottile cambiamento di forma. A meno che tu non sia azzerato sulla punta della freccia, quasi non lo noterai.

Gli stati al passaggio del mouse, d'altra parte, offrono una maggiore stimolazione visiva perché [direi che] il cervello risponde naturalmente ai cambiamenti di colore più rapidamente di quanto non faccia ai cambiamenti di forma.


Mi piacerebbe sentire le opinioni di tutti riguardo agli stati al passaggio del mouse. Li usi? Quando li trovi necessari? O sono solo disturbi visivi?

35
Jon

Voto "si"! È vero, hover events non dovrebbe dipendere dal fatto che i dispositivi touch sono così popolari. Tuttavia, sembra che Jon stia chiedendo dei pulsanti visual hover sui pulsanti, che è leggermente diverso.

Gli stati di hover visivo offrono "clickablity" . Non dovresti fare clic su qualcosa per scoprire se si tratta di un pulsante. Gli utenti su laptop e desktop si aspettano che le cose "cliccabili" reagiscano al passaggio del mouse e avere un pulsante "illuminato" è un indizio utile.

Pensalo come una forma di miglioramento progressivo . È utile per chi può usarlo e innocuo per chi non può!

38

Cerco di evitare il più possibile gli stati al passaggio del mouse nel design. Il motivo principale è che non hanno senso sui dispositivi touch.

Mentre questo può sembrare che non si applichi quando non stai progettando per dispositivi mobili, molte persone usano i loro tablet o altri dispositivi touch per navigare negli stessi siti Web o utilizzare le stesse applicazioni che tradizionalmente useresti solo su un computer con un mouse .

--- vincolando te stesso per non utilizzare gli eventi hover, non solo rendi l'esperienza piacevole indipendentemente dal dispositivo che stai utilizzando, ma rendi anche più semplice creare un'applicazione nativa specifica per il tocco in seguito.

14
JohnGB

Con l'emergere del tocco come un modo importante per interagire con il software, direi che le interazioni basate sul passaggio del mouse sono ora relegate in "Bello per avere miglioramenti", ma non dovrebbe mai essere un requisito per interagire con il software.

7
DA01

Spesso duplico lo stato: hover per: focus, poiché questo è un modo utile per indicare lo stato attivo per un utente solo tastiera (che è necessario per soddisfare WCAG2). Indica che un elemento è in qualche modo interattivo, senza che sia necessario un evento clic che attiverà un'azione che l'utente non ha ancora deciso di avviare. Puoi semplicemente scegliere: focus senza: hover, ma secondo me l'intenzione delle due azioni è la stessa e dovrebbe avere lo stesso effetto visivo ovunque sia pratico.

4
stringy

Concordo anche nel punto di vista di Sam che gli stati al passaggio del mouse possono essere considerati miglioramento progressivo. Vorrei solo chiarirlo un po '.

Da uno primo mobile gli stati al passaggio del mouse in prospettiva non servono davvero a nessuno scopo. Quindi, l'interfaccia utente dovrebbe permettersi comportamenti cliccabili per oggetti cliccabili senza uno stato al passaggio del mouse (ovvero i pulsanti dovrebbero apparire come pulsanti).

Se puoi supportare quella nozione su un dispositivo mobile, quella stessa nozione sarà supportata anche su dispositivi desktop/laptop anche prima che vengano introdotti gli stati di hover .

Includere uno stato al passaggio del mouse sui dispositivi che supportano il passaggio del mouse (laptop, desktop, ecc.) Confermerà la percezione già esistente dell'utente che uno specifico elemento dell'interfaccia utente sia effettivamente selezionabile.

Quindi, per ricapitolare:

  1. Crea elementi dell'interfaccia utente selezionabili in modo tale da offrire un comportamento selezionabile per qualsiasi dispositivo.
  2. Usa gli stati hover sui dispositivi che supportano l'hovering per supportare ulteriormente l'idea che un elemento è cliccabile.
3
Adam Stankiewicz

Solo perché stai progettando per desktop e dispositivi mobili non significa che i progetti dovrebbero essere gli stessi. L'interazione a cui gli utenti mobili potrebbero essere abituati potrebbe non essere evidente agli utenti desktop.

Ad esempio, carte bianche con un cursore sul lato destro. Per gli utenti mobili questo è ovviamente qualcosa su cui puoi toccare. Per gli utenti desktop, non tanto (soprattutto se la scheda è più larga sul desktop), ma quando si posiziona il mouse e vede uno stato al passaggio del mouse, è improvvisamente ovvio che è selezionabile.

Soprattutto ora che l'animazione sta diventando sempre più comune, uno stato al passaggio del mouse è un'animazione di base che fornisce agli utenti feedback sul fatto che stanno facendo ciò che intendevano fare.

Non utilizzare uno stato hover per desktop è pigro e rende le persone tristi.

2
Jessie

+1 a Sam per aver menzionato il miglioramento progressivo.

Consiglio di utilizzare gli stati al passaggio del mouse se forniscono qualche utilità che migliora l'interfaccia utente, ma non dovrebbero mai essere necessari per completare un'attività.

Ad esempio, utilizzandoli in una pagina dell'elenco prodotti per fornire un po 'di informazioni sull'elemento quando si passa con il mouse sull'immagine, prima che l'utente passi. Tali informazioni dovrebbero quindi essere disponibili anche sulla pagina del prodotto stesso. Pertanto, ciò non toglie l'esperienza dell'utente del touchscreen, ma aggiunge ulteriore utilità a coloro che fanno lo vedono. :-)

2
Chris Myhill

Suggerirei il passaggio del mouse quando non è presente alcuna icona nel pulsante. Se supponiamo che nel pulsante sia presente un'icona colorata nel momento in cui non è essenziale assegnare lo stato al passaggio del mouse. Es: iscriviti usando il pulsante Google.

Gli hovers sono un must per tutti i siti Web che desiderano una buona risposta online. Ho usato alcuni siti Web che hanno abbandonato lo stato al passaggio del mouse sul mio laptop ed è stato molto frustrante. Qualsiasi bravo designer sa che le persone online sono in corsa per trovare quello che vogliono e se un pulsante non ti dirà se lo è o meno e devi scoprirlo in una nuova scheda per scoprirlo - è un grande fallimento!

Corretto, gli hover non sono richiesti per i dispositivi mobili. Ma puoi sempre disabilitarli per i dispositivi mobili. Inoltre, non dimentichiamo che i pulsanti per i dispositivi mobili devono essere molto più grandi di quelli per i dispositivi online. E non sono comunque creati su due fogli di stile diversi?

1
Tzvi

Non credo :hover gli stati sono essenziali; Gli elementi dell'interfaccia utente sul desktop hanno funzionato senza di loro per sempre e gli oggetti chiaramente progettati per consentire il clic (come il pulsante "Pubblica la tua risposta" qui su UX.SE) vanno benissimo nella mia esperienza. Questo non vuol dire che non sia utile ; solo che non è essenziale.

Lo faccio, tuttavia considero :focus e specialmente :active afferma essenziale; quest'ultimo in particolare è uno che vedo ignorato su troppi siti. Un chiaro stato attivo aiuta l'utente a sapere che il clic sul pulsante è stato registrato immediatamente ( che è estremamente importante per aiutare gli utenti a sentire che stanno manipolando direttamente un oggetto nell'interfaccia utente ). Controlli di sistema come pulsanti e menu hanno anche reso previsto quello stato, il che rende ancora più difficile dimenticarli.

1
Kit Grose

Suggerirei che gli stati al passaggio del mouse forniscono un feedback positivo sull'aspettativa dell'utente che l'elemento in questione sia interattivo, eliminando così il potenziale per ulteriori sentimenti negativi di dubbio e ambiguità.

I disegni forniscono una serie di segnali che un elemento è interattivo: forma, dimensioni, posizione, colore, una sottolineatura, ecc. Utenti diversi richiedono segnali diversi, e forse l'effetto cumulativo di un diverso numero di segnali, per percepire (e sentirsi sicuri quello) l'elemento è interattivo. La modifica di un elemento al passaggio del mouse è un'opportunità per fornire più spunti.

La maggior parte (se non tutti) i browser forniscono spunti al passaggio del mouse per impostazione predefinita, cambiando il cursore in un puntatore. Naturalmente abbiamo il controllo su questo e potremmo rimuovere lo stato al passaggio del mouse rimuovendo questo effetto. Ma immagino per la maggior parte di noi (prenditi un momento per immaginarlo) questo introdurrebbe un dubbio significativo nella nostra esperienza di navigazione. I browser (e quindi i progettisti) hanno creato un precedente talmente importante per ulteriori spunti al passaggio del mouse che la mancata consegna dei segnali sarebbe una contraddizione significativa di tutti i segnali percepiti in precedenza che l'elemento è interattivo.

La rimozione dell'indicazione predefinita del browser è quindi un utile esempio del valore dello stato al passaggio del mouse. Per me, quindi, la domanda non diventa se i segnali visivi di interattività al passaggio del mouse sono preziosi, ma quali e quanti segnali sono ottimali.

Ci sono alcuni precedenti familiari utili, ma la risposta a questa domanda dipenderà dall'applicazione e dal pubblico di destinazione.

1
user20856